fbpx
Le dolci vite

Le dolci vite

Tempus Captum – Il tempo catturato

Progetto di analisi ed esplorazione fotografica nel Parco archeologico del Colosseo.

Le dolci vite

Margherita Magli

I turisti sono una categoria di umanità molto strana ma anche molto precisa. Riconoscibili anche da lontano, spesso con atteggiamenti e modi di fare ricorrenti, simili ma unici.
“Le dolci vite” nasce da questo: un’osservazione attenta dei bizzarri individui chiamati turisti. Chi ammira il Foro con grande luce e stupore negli occhi, chi invece si annoia e aspetta soltanto di andare a mangiare una carbonara. Chi spiega agli amici qualche aneddoto letto poco prima su Wikipedia, chi vaga solitario ascoltando l’audioguida. Chi accanto al Colosseo appare minuscolo, e chi invece lo fa totalmente sfigurare. Chi fotografa ogni dettaglio, e chi al contrario lascia vagare lo sguardo senza filtri.
Il tutto viene esposto come un vecchio libro di memorie di un viaggio magico. Ricco di frammenti, annotazioni e dettagli, rovinati e sbiaditi proprio come un ricordo, che non cessa  mai di raccontare e preservare il passato.
Ciascuno di questi soggetti è tanto interessante e magico quanto i luoghi in cui si trova e ognuna di queste anime ha una propria, piccola, personale dolce vita da raccontare. I turisti sono belli da osservare e da immortalare nella loro spontaneità. Sono belli da paparazzare. Non è un caso che il termine “paparazzo” derivi proprio dall’omonimo personaggio di Fellini. Dopotutto cosa fa un paparazzo se non rendere dolce anche la più insipida delle vite?

Cerca nel sito

Call Now Button